Artisti_GiorgioMilani

CENNI BIOGRAFICI

Giorgio Milani, Piacenza, 1946. Vive e lavora a Piacenza.
Artista italiano, famoso per i suoi “poetari” e definito “poeta visivo oggettuale”. Inizia la sua ricerca a metà degli anni ’60 sul rapporto fra immagine e scrittura. Dagli anni ’90 il proprio percorso di ricerca si esprime attraverso l’assemblaggio di caratteri tipografici in legno, ormai divenuti introvabili, i cosiddetti “poetari”. Esposti per la prima volta nel 1997 presso la Fondazione Stelline con il patrocinio del Comune di Milano (Poetari di fine Gutenberg). Da allora la notorietà del lavoro di Giorgio Milani si diffonde sia in Italia sia all’estero. Numerose ed importanti le mostre e le presenze dell’artista in tutto il mondo.

Nel 2016 inaugura una nuova serie di lavori bianchi dal titolo “Nuovi Poetari”. Sublimazioni, Sindoni, Intagli presso Villa Rospigliosi, Spicchio di Lamporecchio (Pistoia) con testi di Marco Senaldi, Luciano Caramel, Tommaso Trini, Philippe Daverio.
Nel 2015 espone in anteprima alcuni lavori della serie “Sublimazioni” a “Step Art Fair” presso la Fabbrica del Vapore – Milano.
Nello stesso anno espone a New York in due mostre personali: White Words presso Boffi Soho e Poetari e frottage a cura di Philippe Daverio presso il Consolato Generale d’Italia.
Nel 2014 progetta e realizza il Portale della Chiesa di Santa Franca dal titolo La Porta di Luce e la facciata in acciaio corten lavorato a laser della Madonna di Lourdes a Piacenza.
Nel 2013 espone a Berlino un video e cinque sculture nella mostra personale Dalla Babele al rogo negli spazi dell’Ambasciata Italiana, e contemporaneamente, all’Istituto Italiano di Cultura, dieci poetari e frottage in una mostra intitolata Dalla Babele al dialogo.
Nel 2011 inaugura la sua più grande opera-poetario, Eco di Passi nella Memoria”, nel contesto del restauro e recupero del Campiello di Vigonovo (VE), installando sull’intera facciata dello storico edificio 190 pannelli di corten lavorati al laser con versi scelti insieme a Philippe Daverio.
Nel 2010 realizza a Salsomaggiore Opera aperta fra Oriente e Occidente scenografica scultura-fontana in bronzo e acciaio collocata nel contesto di riqualificazione urbanistica in Piazza Lorenzo Berzieri.
Nel 2009 è fra i sedici artisti internazionali invitati a Berlino per la realizzazione di alcune opere all’interno della Biblioteca Statale Unter den Linden.
Nel 2007 la DFG (Deutsche Forschungsgemeinschaft) organizza a Bonn la più vasta esposizione di Poetari, cento lavori fra quadri e sculture provenienti da diversi paesi europei.
Nel 2005 è invitato alla XIV Quadriennale di Roma dove espone Opera aperta”, un grande poetario costituito da circa 1.800 fregi e caratteri tipografici.
Nel 2002 il Druckunst Museum di Lipsia gli dedica un’importante personale.

Opere di Giorgio Milani in galleria